Homeless Compleynt

Pardon me buddy, I didn’t mean to bug you
               but I came from Vietnam
where I killed a lot of Vietnamese gentlemen
                                  a few ladies too
and I couldn’t stand the pain
                         and got a habit out of fear
& I’ve gone through rehab and I’m clean
               but I got no place to sleep
                                 and I don’t know what to do
                                         with myself right now

I’m sorry buddy, I didn’t mean to bug you
               but it’s cold in the alley
                                 & my heart’s sick alone
               and I’m clean, but my life’s a mess
                         Third Avenue
                              and E. Houston Street
               on the corner traffic island under a red light
               wiping your windshield with a dirty rag

                                                                                            December 24, 1996

Allen Ginsberg, Death & Fame. Last Poems

Please Master

Avvertenza: la poesia di questa settimana non è adatta ai sensibili animi bigotti. Infatti parla per nulla velatamente di un rapporto sessuale fra due uomini.

*

Please master can I touch your cheek
please master can I kneel at your feet
please master can I loosen your blue pants
please master can I gaze at your golden haired belly
please master can I gently take down your shorts
please master can I have your thighs bare to my eyes
please master can I take off my clothes below your chair
please master can I can I kiss your ankles and soul
please master can I touch lips to your hard muscle hairless thigh
please master can I lay my ear pressed to your stomach
please master can I wrap my arms around your white ass
please master can I lick your groin curled with blond soft fur
please master can I touch my tongue to your rosy asshole
please master may I pass my face to your balls,
please master, please look into my eyes,
please master order me down to the floor,
please master tell me to lick your thick shaft
please master put your rough hands on my bald hairy skull
please master press my mouth to your prick-heart
please master press my face into your belly, pull me slowly strong thumbed
till your dumb hardness fills my throat to the base
till I swallow & taste your delicate flesh-hot prick barrel veined Please
Mater push my shoulders away and stare in my eye, & make me bend over the table
please master grab my thighs and lift my ass to your waist
please master your hand’s rough stroke on my neck your palm down my backside
please master push me, my feet on chairs, till my hole feels the breath of your spit and your thumb’s stroke
please master make my say Please Master Fuck me now Please
Master grease my balls and hairmouth with sweet vaselines
please master stroke your shaft with white creams
please master touch your cock head to my wrinkled selfhole
please master push it in gently, your elbows enwrapped round my breast
your arms passing down to my belly, my penis you touch w/ your fingers
please master shove it in me a little, a little, a little,
please master sink your droor thing down my behind
& please master make me wiggle my rear to eat up the prick trunk
till my asshalfs cuddle your thighs, my back bent over,
till I’m alone sticking out, your sword stuck throbbing in me
please master pull out and slowly roll into the bottom
please master lunge it again, and withdraw to the tip
please please master fuck me again with your self, please fuck me Please
Master drive it down till it hurts me the softness the
Softness please master make love to my ass, give body to center, & fuck me for good like a girl,
tenderly clasp me please master I take me to thee,
& drive in my belly your selfsame sweet heat-rood
you fingered in solitude Denver or Brooklyn or fucked in a maiden in Paris carlots
please master drive me thy vehicle, body of love drops, sweat fuck
body of tenderness, Give me your dog fuck faster
please master make me go moan on the table
Go moan O please master do fuck me like that
in your rhythm thrill-plunge & pull-back-bounce & push down
till I loosen my asshole a dog on the table yelping with terror delight to be loved
Please master call me a dog, an ass beast, a wet asshole,
& fuck me more violent, my eyes hid with your palms round my skull
& plunge down in a brutal hard lash thru soft drip-fish
& throb thru five seconds to spurt out your semen heat
over & over, bamming it in while I cry out your name I do love you
please Master.

Allen Ginsberg

*

La poesia è tratta dalla raccolta "The Fall of America. Poems of These States 1965-1971", pubblicata in Italia da Mondadori con il titolo La caduta dell’America.

Ginsberg era, per l’appunto, omosessuale, ebbe una relazione durata una vita con il poeta Peter Orlovsky. Se non l’avete ancora fatto, dovete leggere Urlo & Kaddish. Qui c’è Howl. Qui c’è la prima parte di Kaddish, ma va letto tutto.

Se vi piace la beat generation, ma non solo, Literary Kicks è la bibbia online.

*

PS. In questi giorni ho la connessione ballerina, in più ci sono delle troi… ehm, dei trojan che mi hanno pizzicato il computer. Se non rispondo alle email è per questo. A certe altre email, invece, non rispondo perché non mi va.

La caduta dell’America

Who’s the enemy, year after year?
War after war, who’s the enemy?
What’s the weapon, battle after battle?
What’s the news, defeat after defeat?
What’s the picture, decade after decade?
Television shows blood,
print broken arms burning skin photographs,
wounded bodies revealed on the screen
Cut Sound out of television you won’t tell who’s Victim
Cut Language off the Visual you’ll never know
Who’s Aggressor –
cut commentary from Newscast
you’ll see a mass of madmen at murder.

Allen Ginsberg, da Iron Horse

Non mi piacciono le traduzioni di Fernanda Pivano, ma tanto per rendere l’idea ai non anglofoni:

Chi è il nemico, anno dopo anno?
Guerra dopo guerra, chi è il nemico?
Qual è l’arma, battaglia dopo battaglia?
Qual è la notizia, sconfitta dopo sconfitta?
Qual è l’immagine, decennio dopo decennio?
La televisione mostra sangue,
stampa braccia rotte fotografie pelle bruciata,
corpi feriti rivelati sullo schermo
Togliete il Suono dalla televisione non si capirà chi è la Vittima
Togliete il Linguaggio dalla Visione non si saprà
Chi è l’Aggressore –
togliete il commentario dal Notiziario
si vedrà una massa di pazzi assassini.

Il libro è La caduta dell’America, pubblicato negli Oscar Mondadori.

Desolation Blues

Solo uno stralcio dell’11° chorus dei kerouacchiani Desolation Blues. Non perché sia una poesia particolarmente bella, Kerouac fa parte della mia gioventù (…), ma mi piace l’idea di fondo. Oggi mi è capitata sotto gli occhi e mi sono venute in mente alcune considerazioni che tende a fare il mio più assiduo e "più preferito" lettore quando non gira bene, per così dire. Allora, sperando che se la cavi con l’inglese, e non potrebbe essere altrimenti, mi piace pensare che se la possa rileggere ogni tanto. E mi piace anche che la possiate leggere tutti 🙂

* * *


I have been empowered
to lay my hand
on your shoulder
and remind you
that you are utterly free,
free as empty space.
You dont have to be famous,
dont have to be perfect,
dont have to work,
dont have to marry,
dont have to carry burdens,
dont have to gnaw & kneel,
the taste
of rain —
Why kneel?
Dont even have to sit,
Hozomeen,
like an endless rock camp
go ahead & blow,
explode & go,
I wont say nothin,
neither this rock

* * *

Per la comprensione: Hozomeen è il nome del monte sul quale Kerouac lavorava come fire lookout.

Tutto quel casino… o quasi

Son corso su per sei piani di scale
alla mia piccola stanza ammobiliata
ho aperto la finestra
e ho cominciato a buttar fuori
quelle cose che più importano nella vita
Per prima, la Verità, che cantava come un soffio:
«No, non farlo! dirò cose terribili su di te!»
«Ah, sì? Be’, io non ho niente da nascondere… FUORI!»
Poi è seguito Dio, facendo occhiacci e frignando sbalordito:
«Non è colpa mia! Non sono io la causa di tutto!» «FUORI!»
Poi l’Amore, tubandomi lusinghe: «Non conoscerai mai l’impotenza!
Tutte le ragazze copertina di Vogue, tutte tue!»
Gli ho spinto fuori quel suo culone grasso, urlando:
«Ti riduci sempre a far lo scroccone!»
Ho preso su Fede Speranza e Carità
e quelle tre se ne stavano abbracciate:
«Senza di noi, tu morirai, certo!»
«Con voi do fuori di matto! Addio!»

Poi, la Bellezza… ah, la Bellezza –
Mentre la tiravo verso la finestra
Le ho detto: «Nella vita sei quella che più ho amato
…ma sei un’assassina; la Bellezza uccide!»
Ma non è che proprio volessi buttarla giù
e allora corsi giù per le scale
arrivando giusto in tempo per prenderla al volo
«Mi hai salvato!» gridò lei
L’ho posata in terra e le ho detto: «Sgombra.»

Son risalito per quei sei piani
e ho cercato i soldi
ma non c’erano soldi da buttar via
La sola cosa rimasta nella stanza era la Morte,
se ne stava nascosta sotto l’acquaio:
«Non sono vera!» ha gridato
«Son solo una diceria sparsa dalla vita…»
Ridendo l’ho buttata fuori, acquaio e tutto
e a un tratto mi sono accorto che l’Umorismo
era tutto quel che restava –
Tutto quel che potevo fare con l’Umorismo era dire:
«Va fuor di finestra con la finestra!»

Gregory Corso 

Non era Woody Allen l’ispirazione… ma Gregory Corso