Tahar Ben Jelloun, Creatura di sabbia (Marocco)

Tahar Ben Jelloun, Creatura di sabbia (tit. originale L’Enfant de sable), Einaudi, Torino 1987. Traduzione a cura di Egi Volterrani.

Questo libro mi incuriosiva per vari motivi: perché di Ben Jelloun avevo letto finora soltanto il breve saggio Il razzismo spiegato a mia figlia, perché mi serviva per il mio giro del mondo coi libri, e infine, soprattutto, per la trama.

Di cosa parli il libro è presto detto: in una famiglia marocchina sono nate sette figlie e, all’arrivo dell’ottavo bambino, tutti sperano vivamente che stavolta sia un maschio. Questo perché per tradizione è solo il figlio maschio a poter ereditare, altrimenti la fortuna paterna va agli altri parenti e alle figlie femmine non restano che briciole. Inutile dire che anche l’ottavo figlio sarà una femmina. Ma i genitori, insieme alla levatrice (le uniche tre persone a parte del segreto), si mettono d’accordo già prima della nascita di crescere il piccolo come un uomo anche se sarà una femmina. E infatti, così faranno. La bambina si chiamerà Mohamed Ahmed e tutti la considereranno un maschio, ignari della verità.

Questo naturalmente pone dei problemi, per esempio al momento della circoncisione o quando la bimba inizia a sviluppare i seni o le vengono le mestruazioni. Ma la famiglia riuscirà a porre rimedio a tutte queste difficoltà, e per tutti Ahmed sarà sempre un maschio.

Finché si arriva inevitabilmente alla crisi, quando Ahmed mette in discussione la propria identità. Primo segno di questo sarà il diario lasciato da Ahmed e ritrovato soltanto alla sua morte, in cui per la prima volta racconta la propria storia.

A raccontare la storia vera di Ahmed è inizialmente un uomo che si pone nei confronti del suo pubblico essenzialmente come un cantastorie, e queste prime parti del racconto mi sono piaciute molto perché, pur seguendo il diario, hanno in qualche modo carattere orale, ad esempio per il fatto che il narratore si rivolge spesso al suo pubblico, che non è solo quello dei lettori, ma prima e soprattutto quello delle persone che lo stanno fisicamente ad ascoltare.

In seguito la narrazione si ingarbuglia e vengono fuori altri narratori, finché il tutto non si fa terribilmente onirico e assume l’aspetto di un sogno, di una fantasia, di una storia vera ma dai molti finali, o di una bugia, o di tanto altro ancora, a seconda dell’opinione che il lettore deciderà di farsene. Questo carattere onirico l’ho trovato davvero eccessivo, e se si pensa che, a quanto leggo, i romanzi precedenti di Ben Jelloun presentavano questa caratteristica in maniera ancora più pronunciata, non posso davvero dire che mi venga tanta voglia di approfondire la conoscenza di questo autore.

Ciò non toglie che il romanzo mi sia piaciuto: una trama interessante, uno svolgimento altrettanto interessante per quanto a mio parere confuso. La scrittura l’ho trovata un po’ troppo altisonante e magniloquente, in particolare quando sentiamo la voce diretta di Ahmed, che pare un filosofo con poco contatto con la realtà, e forse era proprio questo l’intento dell’autore.

Infine, per quanto riguarda la mia personalissima esperienza di lettura, raggiunge la sufficienza ma lì si ferma, per i motivi che ho provato brevemente a descrivere. Non so se consigliarlo o meno, ad ogni modo è molto breve e potete sempre decidere di provare, dato che non dovrete dedicare molto tempo alla lettura.

Un pensiero su “Tahar Ben Jelloun, Creatura di sabbia (Marocco)

  1. Pingback: Africa: scoprire il continente attraverso la sua produzione letteraria. Un viaggio tra gli autori che la rappresentano. – Il mestiere di leggere. Blog di Pina Bertoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.