Consigli di lettura per l’estate

Siamo già oltre la metà di luglio e alcuni (o molti) di voi forse avranno già fatto le vacanze, tuttavia abbiamo ancora un mese e mezzo d’estate davanti a noi e molte persone scelgono o sono costrette ad andare in vacanza ad agosto. Perciò ho deciso di stilare, seppure un po’ in ritardo, un breve elenco con alcuni consigli di lettura che trovo particolarmente adatti per la stagione. Voglio precisare che secondo me se una persona è un lettore vero e forte e/o vorace, d’estate potrà e dovrà leggere esattamente quello che vuole, al di là del fatto che siano letture da ombrellone o meno. Io, per esempio, difficilmente scelgo le mie letture in base alla stagione, ma è pur vero che in alcuni determinati periodi o situazioni ho bisogno di libri più “leggeri”. Se questo vale anche per voi, ecco i miei consigli.

J.K. Rowling, la serie di Harry Potter: perché ogni momento è quello giusto per leggere Harry Potter, ma quale momento migliore dell’estate per una lettura spensierata e adatta a distrarsi come questa?

M.C. Beaton, Agatha Raisin e la quiche letale: una serie di gialli, o cosiddetti “cozy mysteries”, con protagonista l’investigatrice dilettante Agatha Raisin, una tranquilla signora che si ritira a vivere nei Cotswolds, in Inghilterra, e che si ritrova immancabilmente invischiata in alcuni delitti. Ho letto solo il primo e, pur non essendo un capolavoro del giallo, è senz’altro carino.

Douglas Adams, Guida galattica per autostoppisti: per chi ama la fantascienza e l’umorismo (British), meglio ancora per chi li ama entrambi combinati assieme. Essendo un caposaldo della letteratura umoristico-fantascientifica, non ha bisogno di presentazioni di sorta. Io ho letto tutta la “trilogia in cinque parti” e l’ho adorata per intero, ma c’è chi dice che il primo libro sia di gran lunga il migliore.

Sophie Kinsella, Ti ricordi di me?: un consiglio che difficilmente piacerà ai miei lettori uomini, ma che raccomando alle mie lettrici donne. A me non piace la chick-lit ma c’è da dire che Kinsella è brava nel suo genere, e la preferisco quando si dedica ad altri romanzi sempre di chick-lit ma non della serie di “I Love Shopping”, che sinceramente non mi piace. In questo libro una donna perde la memoria in seguito a un incidente: lei ricorda di essere una ragazza brutta e sfigatella, ma si trova invece ad essere una bella donna di grande successo.

Hugh Howey, Wool e tutta la trilogia del Silo: un post-apocalittico che mi è piaciuto molto. Non sarà innovativo, ma se vi piace il genere farà sicuramente per voi, e anche se non vi piace il genere dategli una possibilità. Qui la mia recensione.

Stieg Larsson, la trilogia di Millennium: se n’è parlato ovunque in lungo e in largo e non occorre che ve la presenti io. Posso solo dirvi che Uomini che odiano le donne è stato il libro che mi ha riappacificato con i thriller, un genere che non mi piaceva ma che ho imparato ad apprezzare proprio grazie a Larsson.

Jasper Fforde, L’ultimo drago: anche questa è una trilogia, di cui io ho letto solo le prime due parti. A parte il fatto che io adoro Jasper Fforde in tutto e per tutto, questo è un libro un po’ più rivolto alla parte bambina che è in noi, e anzi sarà apprezzato anche dai bambini un po’ più grandi (non leggetelo ai vostri figli o nipoti di cinque anni, per intenderci, ma dieci andrà benissimo). Siamo di fronte a magia e umorismo, con protagonista la quindicenne Jennifer Strange.

Jerome K. Jerome, Tre uomini in barca: un classico dell’umorismo inglese, anche questo non ha bisogno di presentazioni. A parer mio non è un capolavoro e non fa piegare in due dalle risate, ma fa comunque ridere e sorridere, ed è perfetto per chi voglia letture più leggere pur senza rinunciare a leggere un classico.

Jean-Luc Bannalec, Natura morta in riva al mare: è il primo libro di una serie di gialli con protagonista il commissario Dupin. Sì ok, non brilla per originalità e il giallo è debole, ma le descrizioni della Bretagna, regione in cui si svolgono i romanzi, sono spettacolari e fanno venire una gran voglia di visitarla. Perfetto per chi ama i gialli, per chi vuole una lettura leggera sotto l’ombrellone, per chi sta sul divano di casa e sogna di andare in vacanza.

Elias Canetti, Le voci di Marrakech: Canetti, in generale, non è uno scrittore leggero, ma non è che ve lo consiglio solo perché lo adoro. Ve lo consiglio perché questo è un libro che può essere considerato maggiormente “estivo” degli altri suoi e, come quello di Bannalec, è un libro che dispiega molto bene il senso di un luogo che in questo caso è la città di Marrakech. Di nuovo, se non potete andare in vacanza, questo libro vi farà credere di essere nelle vie della città; se invece siete in vacanza proprio in Marocco, vi sentirete ancora più immersi nel luogo in cui vi trovate. Qui c’è la mia recensione.

Giorgio Scerbanenco, Il Centodelitti: questi sono racconti, da brevi a brevissimi, e vanno bene per chi d’estate ha poca concentrazione ma non rinuncia a leggere, o per chi vuole passare il tempo fra un bagno al mare e l’altro o fra un’escursione in montagna all’altra o fra una visita a un museo all’altra, a seconda delle preferenze vacanziere di ognuno. Sono gialli nella migliore tradizione milanese di Scerbanenco e, come appunto nella migliore tradizione, sono pressoché perfetti. Qui c’è la mia recensione.

Achille Campanile, Agosto, moglie mia non ti conosco: estivo fin dal titolo, un romanzo umoristico ambientato in una pensioncina di Napoli, con l’ottimo stile e l’ottima vena satirico-umoristica di Campanile.

Larry Lisca, Camp attack: pubblicato dai miei amici I Sognatori, spero che sia ancora in commercio. È un libriccino delizioso sulle avventure vissute in campeggio e più in generale in vacanza, molto umoristico e davvero divertente. Questo sì, mi ha fatto ridere di cuore. Qui c’è la mia recensione.

Joanne Harris, Chocolat: contrariamente a quanto ci ha fatto credere il film (che tuttavia non ho visto, ma di cui ho sentito parlare tantissimo, come tutti), non è un romanzo d’amore. È un libro anche meno leggero di quanto si possa pensare e parla, fra l’altro, della paura del diverso e dell’integrazione. I protagonisti sono una donna di oscuri natali, forse francese o forse no, e gli abitanti di un minuscolo villaggio francese che si trovano a doverla forzatamente accogliere. E il cioccolato, ovviamente.

Fannie Flagg, Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop: non mi chiedete di fare un confronto con il film perché non l’ho visto (sì, guardo pochissimi film). Posso solo dirvi che il libro è delizioso e vi farà innamorare, e anche questo è molto meno leggero di quanto possa sembrare. Qui c’è la mia recensione.

Spero che ci sia qualcosa che possa fare al caso vostro e, in caso contrario, fatevi un giro per il blog e qualcosa troverete. Qui c’è l’elenco di tutte le recensioni pubblicate.

Buona lettura!

Annunci

2 pensieri su “Consigli di lettura per l’estate

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.