Fausto Vitaliano, Lorenzo Segreto

Fausto Vitaliano, Lorenzo Segreto, Laurana, Milano 2014.

Ringrazio innanzitutto il mio amico Antonino di Laurana Editore per avermi dato l’opportunità di leggere un libro che altrimenti non avrei mai conosciuto. Nonostante Antonino sia mio amico, la recensione sarà ovviamente imparziale, ve lo prometto.

È un libro di 314 pagine, lunghezza media direi, che ho letto abbastanza velocemente perché volevo davvero vedere come sarebbe andata a finire la vicenda di Lorenzo Segreto. Dire che questo romanzo tiene incollati alla pagina è forse un po’ esagerato, non è un thriller, ma comunque si legge piacevolmente e fa davvero venire voglia di sapere quale sarà la sorte del protagonista e degli altri personaggi.

La lettura è iniziata in modo per me molto piacevole, lo stile era interessante e la storia altrettanto. Partiamo con delle pagine scritte in corsivo in cui un uomo si trova di fronte a dei fascisti e nazisti e stringe a sé una bambina, pregandoli di lasciar andare la piccola e la madre di lei. I fascisti lasceranno andare solo lui e la bambina, e già qui le cose ci iniziano subito a sembrare strane, perché non si è mai sentito nei nostri libri di storia o nei racconti dei nostri anziani parenti che i fascisti lasciassero andare degli uomini. Donne e bambini, casomai (non necessariamente, come sappiamo), ma per dei fascisti uccidere una donna e lasciar andare un uomo, seppure con una bambina, era comportamento assai inusuale. Quindi il lettore comincia subito a farsi delle domande.

Subito dopo ci troviamo a fare la conoscenza del protagonista che dà il titolo al libro, un giovane che lascia la sua brillante carriera nel campo finanziario a Londra per poi approdare a Milano e finire in una società di recupero crediti, dove, come capiamo subito, le sue capacità sono un po’ sprecate.

Altri personaggi sono importanti nel libro di Vitaliano, pur se presenti in un numero minore di pagine. Ad esempio Valter, il fratello fascista di Lorenzo Segreto, o la madre dei due ragazzi, chiusa in un manicomio (attenzione però, Lorenzo Segreto, nel 2000, anno in cui è ambientata la storia, i manicomi non esistono più da un pezzo). O ancora Bianca Navel, la figura che comanda in Crediback, l’azienda milanese in cui Lorenzo Segreto viene assunto. Oppure Vincenzo Cotto di Leocata, anziano amico di Lorenzo che sembra aver le mani in pasta un po’ dappertutto. Tito Profeta, il nonno di Lorenzo e Valter. Adriana, la donna che frequenta Lorenzo. Sostanzialmente i personaggi principali sono questi.

La storia della famiglia Segreto, ma anche quella di Bianca Navel e la sua Crediback, ma anche quella del misterioso uomo sfuggito ai nazi-fascisti, incurioscono il lettore, che vuole sapere come si intreccino l’una con l’altra, vuole sapere come si svolgeranno, dove si incontreranno, perché, come. Naturalmente il lettore non viene accontentato subito, altrimenti non avremmo avuto bisogno di un romanzo di 300 e passa pagine, questo è evidente.

La storia, o le storie, hanno un narratore che sembra avere qualche ruolo nelle vicende narrate, ma solo nelle ultimissime pagine scopriremo di chi si tratta. Questo è uno stratagemma abbastanza interessante, tuttavia ho trovato il narratore lievemente irritante con il suo continuo ripetere “quello che posso dire di Lorenzo Segreto”. Senz’altro si tratta di una ripetizione voluta dall’autore e non certo di qualche tipo di caduta stilistica. Anzi, lo stile di Vitaliano mi sembra pensato molto attentamente. Ad esempio, dicevo prima che i manicomi nel 2000 non esistono più, ma è Lorenzo Segreto a usare quella parola, sebbene sia in bocca al narratore. Quello che voglio dire è che, sebbene il narratore racconti, utilizza le parole che userebbero i protagonisti e in particolare Lorenzo. In un certo senso, benché il narratore sia ovviamente esterno e onnisciente, ci fa entrare nei pensieri di Lorenzo Segreto tanto da parlare con parole che chiaramente potrebbero essere più del protagonista che del narratore stesso. Per fare un altro esempio, c’è un discreto uso di parole inglesi che senz’altro sono molto usate nell’ambiente lavorativo di cui Lorenzo fa parte, il che lo spinge anche ad anglicizzare alcune espressioni italiane, come quando usa la parola “eventualmente” per intendere “alla fine”. Ripeto, tutto questo, se lo attribuiamo al narratore, suona fastidioso, quasi come se Vitaliano non sapesse scrivere. Invece è mia ferma opinione che l’autore usi queste parole ed espressioni in modo del tutto intenzionale. In questo senso Vitaliano è un bravo scrittore, perché non credo sia da tutti fare questo tipo di gioco stilistico, per quanto possa in un primo tempo apparire semplice.

Il problema è che Vitaliano ha voluto mettere troppa carne al fuoco. Per cui man mano che il libro va avanti si avvicendano i colpi di scena, le rivelazioni, le scoperte, gli eventi inaspettati o invece indovinati dal lettore più attento. Tutto è collegato da un filo più o meno sottile, ma purtroppo alla fine del libro mi sono ritrovata, anziché piena di meraviglia, a guardare con un po’ di sorpresa e anche un po’ di fastidio in un calderone in cui era buttata un sacco di roba, sicuramente non a casaccio perché la logica c’è, ma tuttavia in eccesso, come se il calderone straboccasse. Naturalmente non posso dire più di questo perché vi rovinerei la lettura, però vi posso garantire che la mia sensazione è stata questa: “troppo”. Troppa roba, troppa carne al fuoco.

Il filo conduttore del libro è comunque la memoria, meglio del ricordo, perché il ricordo è solo parte della memoria e non la compone completamente. La memoria non è solo ricordare, ma anche tramandare. E il tema è anche, se vogliamo, il senso della vita. Il risvolto stesso ci dice che Lorenzo Segreto è tormentato da una domanda: “Per quale ragione sono al mondo?” Troverà la propria risposta alla fine, il proprio ruolo all’interno di questo mondo così caotico da sembrare in guerra.

Per concludere, il romanzo non è per niente brutto, anzi, ma la sensazione che mi ha lasciato non è del tutto positiva, per i motivi che ho tentato di spiegare.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.