Libri dalla Siria

Palmira

Maram al Masri, Ciliegia rossa su piastrelle bianche, Liberodiscrivere: …scrive degli oggetti di tutti i taboo, passione fisica, mancanza di fede, adulterio, solitudine, disperazione, con tale candore ed intensità, che potrebbero farla diventare un simbolo anche per gli occidentali.
Al-Masri evoca momenti di violenza ed intensità con una intelligente, abile miscela di fantasticheria e penombra, trafitta da forti, precisi dettagli.

Maram al Masri, Ti minaccio con una colomba Bianca, Liberodiscrivere: […] Una ossessiva, dolce poesia d’amore che però conduce lontano dalle secche sempre pericolose del sentimentalismo o del dolciastro. C’è in questo gentile svenarsi una specie di meticolosa tessitura, come se procedendo per millimetriche variazioni del sentimento e delle prove d’amore, Maram al-Masri stesse filando e tessendo un arazzo la cui figura finale non è ancora visibile, e non sarà certo la sola rappresentazione di una storia d’amore, adatta per spremere qualche verso femmineo.

Maram al Masri, Sedici nodi, FusibiliaLibri: Maram Al Masri, poeta siriana che vive a Parigi da molti anni, è una delle voci più note e più rappresentative del mondo poetico arabo contemporaneo. Le sue prime poesie sono un canto d’amore che seduce all’ascolto, denso di passione, desiderio e sensualità, la cui intensità è amplificata dalla brevità dei versi e dall’immediatezza del linguaggio. Nel tempo, però, altri temi si sono affiancati all’amore: la nostalgia della Siria e della famiglia d’origine, la condizione delle donne vittime di violenza, l’angoscia per la sofferenza del popolo siriano, il desiderio di una Siria pacificata, libera e democratica. È sempre, però, l’amore il sentimento che prevale. […] Passione e sensualità sono i temi principali anche della poesia di Monica Maggi, scrittrice e giornalista. La sua visione dell’amore è diversa da quella di Maram: non un sentimento astratto e misterioso da indagare con gli strumenti dell’anima, ma un’esperienza sensoriale, concreta, indissolubilmente legata alla corporeità.

Golan Haji, L’autunno, qui, è magico e immenso, Il Sirente: Golan Haji, poeta curdo siriano, attraverso le sue poesie riesce con analogie, similitudini, ellissi prodigiose e urticanti paradossi a descrivere la guerra, la bellezza, il sangue e l’amore.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...