Antonia Arslan, La masseria delle allodole

Antonia Arslan, La masseria delle allodole, BUR, Milano 2010. 234 pagine, 10,90 euro.

Ci sono libri belli, e ci sono libri necessari. Questo fa parte della seconda categoria. Non mi pare che Arslan abbia un grandissimo talento letterario, ma questo libro va letto, perché racconta una Storia che non molti di noi possono dire di conoscere a fondo.

La storia è quella, certamente romanzata, della famiglia Arslanian, famiglia di origine di Antonia Arslan (suo nonno, in Italia dall’età di 13 anni, deciderà nel 1924 di farsi togliere il suffisso armeno dal cognome). Ed è la storia che le è stata raccontata dal nonno Yerwant, ormai anziano.

Siamo nel 1915, anno in cui il governo turco ottomano decise di mettere in atto il sistematico sterminio degli armeni presenti nel territorio dell’Anatolia, sotto il tristemente presago motto “La Turchia ai Turchi”. Non è presago a caso, questo motto, poiché pare infatti che Hitler si sia ispirato proprio al genocidio armeno per mettere in atto la Shoah. Come dice Arslan, il genocidio armeno fu condotto con precisione chirurgica, di certo non si poté parlare di crimini di guerra o di efferatezze isolate, ma si deve parlare di vero e proprio genocidio. Cosa che ancora la Turchia fatica a riconoscere.

La famiglia Arslanian vive in una piccola città dell’Anatolia, mai menzionata, e viene quasi del tutto sterminata durante le atrocità del 1915. Le donne saranno deportate attraverso il deserto, dopo l’uccisione di tutti i maschi della famiglia, e solo poche di loro sopravviveranno, insieme a uno dei bambini, piccolissimo, salvatosi dalla follia omicida solo perché vestito da bambina, come a volte all’epoca usava.

Il libro è la storia di quello sterminio e di quella deportazione e, come tutti i libri sul genocidio armeno, romanzi compresi, non risparmia scene che fanno gelare il sangue nelle vene. Perché il libro vuole essere testimonianza, e allora deve raccontare fedelmente cosa è successo, e pure se Arslan romanza la storia raccontatale dal nonno, i racconti delle atrocità sono tristemente veri. Ma se vi accostate a questo come ad altri libri sull’argomento dovete essere consapevoli che in alcuni punti avrete voglia di vomitare.

Letterariamente, è molto più bello il romanzo, ispirato a una storia vera, I quaranta giorni del Mussa Dagh di Franz Werfel, di cui ho parlato qui l’anno scorso. Ma penso che entrambi i libri vadano assolutamente letti, o almeno io li consiglio entrambi.

* Il sito di Antonia Arslan.
* L’incipit.

Annunci

Un pensiero su “Antonia Arslan, La masseria delle allodole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...