Roberto Arlt, Un viaggio terribile

Roberto Arlt, Un viaggio terribile (tit. originale Un viaje terrible), Edizioni Arcoiris, Salerno 2014. Traduzione di Raul Schenardi. 100 pagine.

Il protagonista-narratore è in procinto di partire per un viaggio in mare, più precisamente nell’Oceano Pacifico. Con lui partirà il cugino Luciano, noto per essere sempre nei paraggi quando ci devono essere sventure di qualche tipo. Luciano rivela al cugino che la nave ha cambiato nome nel corso del tempo, chiaro segno di sventura, come tutti sanno. Luciano viene preso un po’ per il classico uccello del malaugurio, ma disgrazie di varia entità si succederanno davvero nel corso del brevissimo romanzo. Un viaggio che sarà terribile, per l’appunto, fino ad arrivare al climax finale che non svelo, ovviamente.

Un romanzo ironico e divertente, ma anche angosciante, soprattutto nella parte conclusiva. Rocambolesco, avventuroso, non si limita al divertimento fine a se stesso ma ci fa anche vedere fin dove può spingersi l’animo umano quando è confrontato con il terrore.

Non conoscevo Roberto Arlt, ma pare che sia considerato, in patria, uno dei più grandi narratori argentini. Purtroppo pochissimo conosciuto in Italia, sicuramente questo romanzo breve o racconto lungo fa venire voglia di leggere qualcos’altro di questo autore, anche se nella postfazione il traduttore e curatore Schenardi ci svela che questo non è il “classico” Arlt. Consigliato.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...