Mervyn Peake, The Gormenghast Trilogy

Mervyn Peake, The Gormenghast Trilogy, Vintage, London 1999. 953 pagine.

La trilogia, composta da Titus Groan, Gormenghast e Titus Alone è stata pubblicata per la prima volta nel 1946. Forse non molto conosciuto, o almeno non come merita, è un caposaldo della letteratura fantastica che però non ha i classici elementi del genere. È un lavoro che sfugge ogni caratterizzazione, tanto che per esso è stata coniata la definizione di “gormenghastly”. Perché non c’è niente come la trilogia di Gormenghast, è un’opera unica.

I protagonisti sono moltissimi, da Titus Groan a sua sorella Fuchsia, dalla madre Gertrude, amante di gatti e uccelli più che delle persone, al padre Sepulchrave, che finirà per impazzire. Passando per il dottore, Prunesquallor, e sua sorella Irma, i professori che compaiono solo nella seconda parte della trilogia ma sono personaggi importantissimi, Flay, assistente personale di Lord Sepulchrave. E naturalmente Steerpike, che forse insieme a Titus è il vero protagonista dei primi due libri. Ma c’è un altro protagonista, questa volta non umano, che è il castello di Gormenghast, ed è forse il protagonista vero al di là di tutti i personaggi principali.

I personaggi sono tutti caratterizzati molto bene, nonostante siano tantissimi. E descritto molto bene è anche il castello di Gormenghast e la vita al suo interno: i rituali millenari, i palazzi antichissimi, la vita particolarissima che si conduce al suo interno, scandita dai rituali. Si potrebbero scrivere libri interi sui personaggi della trilogia, perciò mi limito a questi pochi tratti. Mentre invece per quanto riguarda il castello, e la struttura stessa dell’opera, posso dire che mi ricorda molto da vicino le Carceri d’invenzione di Piranesi, con le loro scale che conducono in nessun luogo, i loro passaggi intricati, il loro essere splendidamente gotiche.

Il libro infatti è gotico, macabro, crepuscolare, barocco soprattutto nella scrittura. Bellissimo da leggere sebbene alcuni passaggi possano risultare un po’ noiosi, ma è la scrittura stessa, oltre che la trama, a tenere incollati alle pagine. Ci sono alcune incongruenze, ma a Peake si perdona tutto.

Un discorso a parte merita invece il terzo libro della trilogia, che è stato scritto quando ormai Mervyn Peake era in uno stadio già avanzato del morbo di Parkinson, e questo purtroppo si sente. Nel senso che i personaggi non sono più molto ben caratterizzati, e anche la scrittura è meno fluida, oltre alla trama stessa. È un libro che sembra non entrarci niente con gli altri due libri precedenti, anche se poi nel corso della lettura l’idea di base, cioè che Titus sia pazzo, prende forma e acquista anche una sua rilevanza e conseguente interesse. Però purtroppo non è all’altezza degli altri due libri, e quasi mi sento di consigliare di arrestare la lettura al secondo libro.

Molto altro si potrebbe dire di questo libro, ma mi limito a consigliarvi di leggerlo, se non avete paura della scrittura barocca e della mole, perché vale veramente la pena.

* La trilogia su Wikipedia: in italiano e in inglese in un articolo un po’ più corposo.
* Il sito ufficiale di Gormenghast (in inglese).
* I libri in italiano.
* La mini serie basata sui primi due volumi della trilogia (in inglese).

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...