Libri dalla Guyana

Wilson Harris, Il palazzo del pavone, Einaudi: Da qualche anno nella rosa ristretta dei candidati al Premio Nobel ricorre il nome di Wilson Harris. Nato nel 1921 a New Amsterdam, nella Guyana britannica, di origini europee, africane e amerindie, Harris ha lavorato in gioventù come topografo, prendendo parte a numerose spdizioni scientifiche nella foresta amazzonica. Queste esplorazioni costituiscono l’evidente traccia autobiografica del Palazzo del pavone (1960) probabilmente il libro più intenso e suggestivo di Harris, prima parte del Guyana Quartet. E tuttavia queste pagine non hanno nulla del documentario scandito da avventure più o meno prevedibili, o reso esemplare dalla denuncia delle violenze di cui sono vittime gli uomini e la natura. Scrittore di lingua inglese, Harris ha voluto interpretare i miti della sua terra alla luce di archetipi universali, e per fare questo ha scelto la strada dell’allegoria, del viaggio iniziatico in un intreccio di simboli e di immagini che nel corso dei secoli si sono sedimentate nelle foreste e nelle savane, tra i fiumi e l’oceano. Un viaggio di sette giorni attraverso acque primigenie e rapinose, un sogno che cerca di aprirsi la strada verso la realtà, verso un vagheggiato luogo d’origine e di salvazione universale.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...