Libri dall’Azerbaigian

La Torre della Vergine a Baku

Trovare libri dall’Azerbaigian non è cosa facilissima, ma neppure impossibile. Kurban Said ha scritto parecchio in tedesco, e io leggerò il suo Ali e Nino, che se tutto va bene mi dovrebbe arrivare tra pochi giorni grazie a Bookmooch. Naturalmente vi farò sapere le mie impressioni non appena l’avrò letto.

Kurban Said, Ali e Nino, Imprimatur: Due amanti, lei cristiana e lui musulmano, in un Impero russo ormai al tramonto. Ali è un ragazzo discendente da una nobile famiglia dell’Azerbaigian, Nino una principessa georgiana. Lui la chiederà in moglie, la salverà da un rapimento e la porterà con sé lontano. Ma la guerra segnerà, con il loro amore, la nascita di un mondo nuovo: dal primo conflitto mondiale alla rivoluzione bolscevica, vivrà il disperato sogno d’indipendenza dell’Azerbaigian moderno, e Ali sarà in prima fila a battersi per la sua terra.
Romanzo d’amore e documento di inestimabile valore storico, ambientato nel Caucaso tra prima guerra mondiale e rivoluzione bolscevica, Ali e Nino è uno dei grandi classici della letteratura moderna.
I due amanti, rappresentanti di culture e confessioni differenti – lei cristiana e lui musulmano – accompagnano il lettore dalla città di Baku alla Persia, sullo sfondo di una continua tensione tra Europa e Asia, Islam e Cristianità, guerra e pace, onore e vergogna. Questi accostamenti fanno di Ali e Nino un libro di bruciante attualità e intensità. La storia di un amore contrastato non è certo il pretesto per fare colore locale nel segno di un orientalismo di maniera. Al contrario, il romanzo di Kurban Said si addentra coraggiosamente tra i risvolti di un mondo in turbolenza come quello di un impero in declino, dove i destini delle famiglie e le aspirazioni dei popoli si dividono, si combattono e si proiettano nei connotati di una nuova società nascente. L’Azerbaigian che leggiamo nelle pagine di Said, luogo di commistione e scontro di popoli e culture, non è ancora il florido stato indipendente di oggi. Ma in esso riecheggiano la ricchezza culturale, la fierezza e l’intensità emotiva che oggi lo contraddistinguono e che hanno profonde radici storiche. Ali e Nino sono la Giulietta e Romeo, il Renzo e Lucia di una terra contesa e intrisa di simboli millenari.
Così, nel romanzo, la forza irrazionale dell’amore diventa scelta e consapevolezza di un destino. Per poter dire quello che sono e quello che vogliono, i due giovani amanti dovranno lottare, anche quando la tragedia della guerra e dell’oppressione tenterà di sopraffarli.
Kurban Said è uno degli pseudonimi di Lev Nussimbaum, scrittore azero di origini ebraiche. Nato a Baku nel 1905 da una ricca famiglia di petrolieri russi, all’età di diciassette anni indossa i panni del principe turco Essad Bey convertendosi all’Islam. Frequenta la Facoltà di Orientalistica dell’Università di Berlino, divenendo scrittore in lingua tedesca. Esperto di cultura islamica, collabora a numerose riviste scientifiche pubblicando, durante il nazismo, sotto vari pseudonimi. Muore in Italia, a Positano, a soli trentasette anni.

Zecharia Sitchin, Il pianeta degli dei, Piemme: Se gli antichi Egizi ereditarono il loro sapere dai Sumeri, questi ultimi da chi avevano appreso quelle scienze? La tesi del professor Sitchin è semplice e sconvolgente. Come confermano recentissime scoperte, c’è un altro pianeta nel sistema solare. I suoi abitanti, che i Sumeri chiamavano Anunnaki e la Bibbia Nefilim, iniziarono a visitare la Terra mezzo milione di anni or sono e il ricordo delle loro gesta è giunto sino a noi per varie strade: nei racconti mitologici, nell’Antico Testamento, nel libro di Gilgamesh. Alla luce di questa ipotesi, suffragata da anni di studi e ricerche, tradizioni, leggende e ritrovamenti da sempre circondati da un alone di mistero divengono improvvisamente comprensibili. La storia del mondo trova una nuova, affascinante chiave di lettura.

Tutti i libri di Zecharia Sitchin: http://it.wikipedia.org/wiki/Zecharia_Sitchin#Opere

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...