Valentina Morelli, Mara conta i passi

Valentina Morelli, Mara conta i passi, I Sognatori, Lecce 2013. 137 pagine, 13,90 euro.

La storia di come ho incontrato questo libro è presto detta: conosco I Sognatori fin dal loro ingresso nel mondo editoriale, quando mi contattarono per sapere se volessi recensire un loro libro. Da lì è nata una sincera amicizia con una metà della casa editrice, l’editore e scrittore Aldo Moscatelli, e ho continuato a seguire quello che facevano anche se negli anni mi sono un po’ persa alcuni dei loro libri, perché non sempre le loro scelte editoriali hanno coinciso con il mio gusto. Da quando la casa editrice è diventata una factory editoriale ha pubblicato, proprio nell’ultimo mese, tre libri, che ho deciso di acquistare perché la presentazione sul sito mi aveva convinto, e per ricordare a loro e a me stessa che io sono al fianco della piccola editoria di qualità, sempre.

Quello che ho pensato leggendo questo libro è: Aldo e Francesca hanno fatto il colpaccio. Perché questo libro è bellissimo, e non per niente è già stato ristampato nel giro di un mese.

Intanto, signori, guardate la copertina di Francesca Santamaria: lo stile è diverso rispetto a quello a cui eravamo abituati, ma è sempre di una bellezza sconcertante, almeno secondo me. È vero che l’abito non fa il monaco e un libro non si giudica dalla copertina, però secondo me Francesca Santamaria è una delle migliori illustratrici italiane in circolazione, e mi sembra giusto dirlo.

Ma veniamo al libro e alla sua trama. Mara ci viene presentata da bambina, e poi la seguiamo nel corso degli anni in un conto alla rovescia di cui all’inizio capiamo poco, ma che poi ci diventerà chiaro… forse. Mara è una bambina e poi una ragazza introversa, vittima di episodi di bullismo a scuola a causa dei suoi capelli rossi che la rendono così diversa, o forse invece così speciale. Con i genitori non va per nulla d’accordo, i suoi sono gente semplice di campagna e suo padre la costringe ad assistere all’uccisione di un coniglio, episodio che la traumatizzerà. Per sfuggire a tutte le cose brutte della sua vita, la piccola Mara impara a contare i passi con la tabellina del tre, perché solo concentrandosi sui numeri riesce a «svuotare i pensieri di ciò che fa male». In seguito svilupperà, grazie all’amatissimo zio, una passione per la matematica, che la porterà a studiare le cosiddette forme patologiche in tutto ciò che vede, e in seguito la condurrà a studiare matematica all’università di Genova. Finché un giorno non lascia la casa genovese dello zio per trasferirsi in una casa di studenti, dove c’è una macchia di muffa che la affascina completamente…

Il libro parla dunque di matematica? Sì, parla di frattali e di geometria euclidea, ma anche di bullismo, di solitudine, di passione, di intrighi psicologici, e di un’altra cosa che proprio non vi posso dire, pena svelare la conclusione del libro, che sarebbe peccato mortale. Perché voi questo libro lo dovete leggere, e non ci sono scusanti. Niente “ma a me la matematica non piace”. Non piace neanche a me, l’ho sempre odiata, ma questo libro è bellissimo, lo ripeto ancora una volta. Scritto così bene che non sembra neanche un’autrice esordiente, e inoltre con un intreccio così avvincente che non vi permetterà di staccarvi un secondo dalle pagine. Questo libro lo dovete leggere, perché non sarà un capolavoro, ma è uno dei libri più belli che io abbia letto negli ultimi mesi, e lo consiglio caldamente a tutti.

Per approfondire:

* il blog dell’autrice
* la brevissima biografia dell’autrice
* il libro sul sito della casa editrice (dove è possibile leggerne un corposo estratto)
* una bella recensione

Annunci

3 pensieri su “Valentina Morelli, Mara conta i passi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...