Il libraio

Il libraio non aveva più amici, ma aveva cinque fratelli e cinque sorelle.
Per i quali non era mai stato argomento di conversazione.
Per i quali era, tutt’al più, un fratello.
Sparpagliati un po’ dovunque nel mondo, a migliaia di chilometri dalla città in cui si trovava la libreria del libraio, i suoi fratelli e le sue sorelle vivevano le loro vite e di tanto in tanto ricevevano le pagine che il libraio strappava dai libri.
Senza ulteriori spiegazioni.
Le pagine erano diverse per ciascuno e ciascuna di loro, così come era diverso l’uso che ciascuno dei fratelli e ciascuna delle sorelle ne faceva.
Ma ognuno di loro le leggeva.
Ognuno di loro le leggeva.
E il libraio sapeva che ognuno di loro le leggeva.
Così, non appena la pagina di un libro gli faceva venir voglia di vedere uno dei suoi fratelli o delle sue sorelle, la strappava e gliela mandava.
Senza ulteriori spiegazioni.

Da: Régis de Sá Moreira, Il libraio (tit. originale Le libraire), Aìsara 2010. Traduzione di Paola Cadeddu. 102 pagine.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.