La morte moderna

Carl-Henning Wijkmark, La morte moderna (tit. originale Den moderna döden), Iperborea, Milano 2008. 119 pagine. Traduzione di Carmen Giorgetti Cima.

È difficile per me parlare di questo libro. Perché all’inizio mi è piaciuto, e poi andando avanti non sono più riuscita a sopportarlo. È agghiacciante, crudele fino all’inverosimile, più horror di un horror (non lo è, è “solo” una distopia).

La storia è questa: siamo a un simposio in Svezia, dove elementi del governo, della Chiesa eccetera si sono riuniti per parlare della morte. Siamo nel 1978, c’è la crisi economica, i vecchi e i malati pesano sulle casse dello Stato. Allora, quale soluzione più ovvia che eliminare la fonte di tanti problemi? Ma questi cittadini svedesi ligi alla legge non sono nuovi nazisti, tutt’altro, loro aborrono Hitler, sebbene non neghino che qualcosa di buono l’ha pur fatto. La loro idea non è certo – Dio ce ne scampi! siamo in una democrazia – quella di sterminare vecchi e malati, ma piuttosto di convincere gli anziani che la loro morte sarebbe positiva per la società, il sacrificio di pochi (si fa per dire) per il bene di molti. Quindi i vecchi dovrebbero consegnarsi spontaneamente alle autorità, che porrebbero dunque fine alla loro vita a un’età predeterminata in partenza. Per quanto riguarda i malati, per esempio i bambini down, basterebbe non fornire loro i vaccini, consegnandoli a una morte certa. Ma l’idea del governo non si ferma qui; intanto bisognerebbe impedire ai vecchi e ai malati di lasciare il paese con tutti i mezzi possibili, poi non avrebbe senso sprecare risorse preziose: i vecchi possono comunque fornire ancora un servizio alla società, una volta morti, se dai loro cadaveri si ricavano materie prime utilizzabili nell’industria.

Mi sembra di aver detto tutto, capirete dunque perché il libro è agghiacciante e finanche ripugnante. Tanto più che (non conosco la storia dell’autore, ma) sembra scaturire da un’idea del tutto distorta dei valori della laicità, mi sembra insomma un libro scaturito dai peggiori incubi di un fondamentalista pro life – non per niente parla anche dell’aborto come un primo e già accettato mezzo di controllo della vita (controllo delle nascite, come la “morte moderna” dovrebbe essere il controllo delle morti), utilizzato perché le madri possano continuare ad andare al lavoro e quindi a produrre.

Insomma, per quanto mi riguarda non ci siamo proprio, avevo grosse aspettative, ma non mi aspettavo un libro così cruento, grondante ipocrisia e sangue da tutti i pori. Mi stavo quasi sentendo male nel leggerlo.

Se tuttavia volete approfondire, ecco qualche link:

* la pagina dedicata a Carl-Henning Wijkmark su Wikipedia
* la pagina dedicata al libro sul sito dell’autore
* una recensione su WUZ

Questa recensione è pubblicata anche sul sito Letterature altre, in quanto partecipa alla sfida anobiiana omonima.

Annunci

3 pensieri su “La morte moderna

  1. Roberto R. Corsi

    credo che l’uso narrativo dell’aborto come lo hai descritto sia nettamente indiziario di un autore antiabortista. Il che “anatopatologicamente” rende per me ancora più appetibile il libro 😉 del resto si sa io sbarello per la città di K. dunque 😀

  2. orma

    A me è piaciuto molto proprio per la crudezza con cui affronta il tema, inoltre, proprio in Svezia e proprio negli stessi anni di pubblicazione del libro, era appena terminato il programma eugenetico iniziato nel ’34. Le premesse del programma erano le stesse, motivazioni forti per una più funzionale redistribuzione della cassa sociale. Il libro è crudo, ma in fondo racconta quello che era già accaduto (nella realtà si trattava di sterilizzazioni di massa).

  3. Marina Autore articolo

    Interessante orma, questo non lo sapevo… In questo caso il romanzo si legge da un altro punto di vista…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...