Nessun peccato

Maria Luce Bondì, Nessun peccato, Tanit, 2009. 10 €. 138 pagine.

Opera prima della palermitana Maria Luce Bondì e anche della casa editrice catanese Tanit, nata giusto un anno fa. Un romanzo piuttosto breve che ho letto ieri sera in tre ore, senza riuscire a chiuderlo anche se era tardi. Perché “prende” e non ti lascia, bisogna continuare a leggere: non tanto per arrivare alla fine, ma proprio per il gusto di leggere.

La storia è questa: Gianni è un ragazzo di trent’anni che si guadagna da vivere con delle lezioni private di greco e con delle traduzioni letterarie dall’inglese. È in graduatoria per una cattedra scolastica, ma ha anche paura di prenderla, quella cattedra. Ha paura della stabilità che gliene deriverebbe, dell’imbolsimento mentale, anche. Vive con i genitori e la sorella minore, ma non condivide niente con loro, le loro vite sono separate e Gianni è insoddisfatto di tutto: «Gianni si spreme le meningi a forza di pensare a quanto vorrebbe essere diverso». Adele è una sua allieva, una ragazza di ventitré anni carina e divertente. Adele ha un segreto, e a un certo punto lo rivelerà a Gianni, che inspiegabilmente si preoccupa moltissimo per lei: è incinta, pur essendo vergine, una sorta di immacolata concezione duemila anni dopo. Un giornalista lo viene a sapere e le rende la vita impossibile, ma allo stesso tempo dà una scossa positiva alla vita stagnante di Gianni.

Ecco, la trama in realtà appare semplice, forse banale, ma posso assicurare che il romanzo è tutt’altro che banale o scontato. Forse non è un capolavoro della letteratura, ma è avvincente, appassionante, mai scontato e piacevolissimo da leggere. La Bondì ha una scrittura fluida e a tratti poetica, veramente felice: c’è da dire che non sembra per niente un’autrice esordiente. Leggere è davvero un piacere, cosa che con i libri che escono oggi non è così scontata.

Se volete leggere qualcosa che esca dai canoni comuni e dai soliti circuiti editoriali, ve lo consiglio caldamente.

Un aspetto molto interessante: Tanit pubblica in licenza Creative Commons.

Per approfondire: questo è il sito della casa editrice. Qui c’è una recensione e qui un’intervista all’autrice.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...