Finzioni

Jorge Luis Borges, Finzioni (tit. originale Ficciones), Einaudi, Torino 1995. Traduzione di Franco Lucentini.

Non avevo mai letto Borges, e l’ho sempre sentita come una mancanza: da grande lettrice, era impossibile ignorare un tale mostro sacro. L’amico Harshad e il bookcrossing mi sono venuti in aiuto, e così eccomi con questo libriccino in mano. Ci ho messo un paio di settimane a leggerlo, benché sia breve.

Il primo impatto è stato abbastanza traumatico: non ci siamo presi, io e Borges, mi annoiava e mi sussurrava in un orecchio che era colpa mia, che non lo capivo. Poi è andata meglio. E tuttavia, è stata una lettura altalenante, e non posso dire che sia stata piacevole. Alcuni racconti li ho preferiti ad altri, come ad esempio Le rovine circolari o La lotteria di Babilonia. In generale, ho preferito quelli della prima parte piuttosto che quelli della seconda. Non mi sono piaciuti quelli che parlano di libri immaginari, benché ne abbia apprezzato la maestria.

In generale, ho capito perfettamente che Borges è uno scrittore grandissimo, che ha pochi rivali sul piano della tecnica e anche dell’inventiva: ci vuole fantasia nell’immaginare simili situazioni irreali, così come nel discettare di opere mai scritte. Tecnicamente, il libro è ineccepibile. Al di là di questo, però, mi ha lasciato poco. Non so se dipende dal fatto che non l’ho letto nel momento giusto (ogni libro ha il suo momento) o se più prosaicamente Borges non è nelle mie corde. Magari ci riproverò fra qualche anno, anche se un po’ mi spaventa.

Annunci

10 pensieri su “Finzioni

  1. jacopo

    B. è uno di quegli autori per cui nutro il notevole pregiudizio che, sebbene bravo, non mi interessi

  2. Harshad

    Buongiorno 😀
    Non posso dire di non capirti, visto che Borges è uno scrittore verso cui nutro sentimenti contrastanti: la genialità di alcune trovate (e di alcuni riferimenti celati nel testo) ha come contraltare un’ampollosità un po’ voluta, un po’ propria dell’autore e un certo snobismo di fondo, o almeno così mi sembra.
    La prima volta mi è piaciuto molto e credo che sia stato un libro piuttosto importante per me… ma credo anche di essere stato influenzato da alcuni giudizi molto positivi di altri lettori (l’ho letto intorno ai 15 anni, mi pare).
    Altri libri di Borges mi hanno deluso, soprattutto quelli – e non sono pochi – in cui si abbandona il fantastico per narrare vicende legate all’Argentina.

    Insomma, io probabilmente ho incontrato le Finzioni in un momento più adatto di te… ma più che i racconti sono state le idee, talvolta gli incisi apparentemente buttati lì ad avermi colpito [vedi l’accenno all’umanità dotata di memoria fittizia di Russell o la commistione tra autori reali e immaginari]. Oppure sarà anche che, da buon matematico in erba, non ho potuto non apprezzare la simmetria che caratterizza quasi tutti i racconti… 🙂

    Grazie mille per il commento! 🙂

  3. Marina Autore articolo

    @Harshad: ti aspettavo 🙂 Anche a me sembra che alla genialità facciano da contraltare una certa ampollosità e un certo snobismo… in fin dei conti, non ci sarebbe neanche niente di male, non sarebbe né il primo né l’ultimo grande autore snob…
    Sicuramente è un libro che un matematico può notevolmente apprezzare, non c’è che dire 🙂

    l’ho letto intorno ai 15 anni, mi pare

    Io l’ho detto, tu non sei normale 🙂 Trovami un altro quindicenne che legge Borges…
    Di’ la verità, sei un personaggio inventato 😀

  4. Harshad

    E’ da qualche giorno che mi ronzano in testa alcune frasi tratte dalle Finzioni… colpa tua! 😀

    Ah, se per caso conosci il mio autore, presentamelo: avrei due paroline da dirgli 😛

    Ma… tu che mi leggi, sei sicura di intendere la mia lingua?

  5. Marina Autore articolo

    In che senso, sono sicura di intendere la tua lingua? Spero che tu non ti sia offeso, scherzavo, lo sai vero? Era per dire che ti ammiro molto, hai una gran testa 🙂

  6. Harshad

    Offeso? Ma no, figurati, per cosa? Era solo una citazione (a capocchia, lo ammetto) dalla Biblioteca di Babele! Pardon 🙂

    Addirittura ammirazione? Acc… ma tu vuoi farmi battere il record mondiale di rossore! :)))

  7. Marina Autore articolo

    Abbi pazienza, Harshad, se continuo a leggere i commenti alle 2 di notte effettivamente è improbabile che io riesca a cogliere le citazioni… colpa mia!! 😉

  8. Pingback: Libri sui libri. Prima parte « Sonnenbarke

  9. Pingback: Libri dall’Argentina | Sonnenbarke

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...